Frittata leggera al forno con cavolfiore al curry

Frittata leggera al forno con cavolfiore al curry
Frittata leggera al forno con cavolfiore al curry

Ecco una preparazione facile e veloce, alleggerita rispetto alla versione originale. Qualche giorno fa avevo scritto un articolo relativo ai diversi espedienti da utilizzare per alleggerire le frittate: per esemplificare il tutto vi riporto oggi una ricetta che mette in pratica i consigli precedentemente forniti. Volevo ottenere un secondo piatto gustoso ma leggero, con un ridotto contenuto di condimenti grassi: per queste imprese ambiziose l’aiuto più grande può arrivare dalle spezie. Avendo a disposizione il cavolfiore ho pensato subito all’abbinamento, ormai consolidato, con il curry. Per chi non lo conoscesse ricordo che si tratta di un mix di spezie orientali, costituito prevalentemente da curcuma (un vero toccasana per la salute con proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e depurative) che conferisce il colore giallo ai cibi in cottura, cumino, zenzero, fieno greco, pepe nero (in grado di potenziare le proprietà benefiche della curcuma), peperoncino e molte altre. Non c’è un curry uguale ad un altro, ne esistono di più o meno piccanti: le miscele presenti nella grande distribuzione non risultano comunque particolarmente forti ma al contrario molto piacevoli e amatissime, soprattutto dai giovani. A mio parere questo mix di spezie non dovrebbe mai mancare nelle nostre dispense: è capace di dare carattere alla più insipida delle zuppe e di colorare la più pallida delle frittate (come la mia, ad esempio!) ed in più, come è stato dimostrato scientificamente, fa bene alla salute! La ricetta può considerarsi senza glutine solo se si presta particolarmente attenzione all’acquisto del curry: a differenza delle spezie ed erbe aromatiche tali e quali, trattandosi di una miscela potrebbe contenere anche amidi o sostanze con tracce di glutine. Gli amici celiaci che non trovassero in commercio un prodotto chiaramente indicato come “senza glutine” possono sostituirlo con una miscela di curcuma, pepe nero e peperoncino oppure cimentarsi nella preparazione casalinga del curry acquistando e miscelando tutte le spezie in esso contenute.

Ingredienti per una pirofila di 24 cm di diametro:

  • cavolfiore: n. 1 intero
  • uova intere: n. 2
  • albumi: n. 2
  • olio evo: q.b.
  • curry in polvere*: 1 cucchiaino colmo
  • pepe nero: q.b.
  • sale: q.b.
  • origano: q.b.

*alimenti a rischio di contaminazione e per i quali è necessario prestare attenzione al momento dell’acquisto.  L’AIC consiglia il consumo di questi alimenti se presenti nel Prontuario AIC oppure se in etichetta è presente la dicitura “senza glutine”.

Eliminate le foglie del cavolfiore e la parte più esterna e coriacea del gambo. Dividetelo in cimette di medie dimensioni. Non buttate la parte tenera del gambo perché è molto saporita e ha le stesse proprietà delle cimette: eliminate semplicemente le parti più dure e poi tagliate in piccoli pezzi ciò che rimane. Lavate il tutto sotto acqua corrente poi cuocete al vapore, in alternativa lessate o mettete al microonde per circa 13 minuti alla massima potenza. La verdura dovrà essere ben scolata e rimanere leggermente croccante. Terminata la cottura condite con olio, sale e una spolverata di origano.

Frullate a parte, meglio se con un frullatore ad immersione, tutti gli altri ingredienti: uova, albumi, 1 cucchiaio di olio, 1 cucchiaino abbondante di curry, pepe nero, un pizzico di sale. Prelevate 2 cucchiaiate abbondanti di cavolfiore cotto e condito e frullate insieme al composto di uova.

In una pirofila antiaderente o in pyrex distribuite il cavolfiore condito poi irrorate con il composto di uova (per altre tipologie di teglie è necessario utilizzare carta da forno oppure imburrare). Ponete in forno preriscaldato a 170°C per circa 25 minuti: verificate con uno stecchino che l’interno della frittata non sia rimasto cremoso. Spegnete il forno e lasciatevi riposare la frittata per circa 2-3 minuti. Estraete e fate riposare a temperatura ambiente per altri 10 minuti: eventuali liquidi rilasciati dalle verdure saranno riassorbiti.

Potete servire la frittata tiepida o a temperatura ambiente: io ho ricavato dei dischi con il coppapasta da gustare con pane integrale abbrustolito.

Consiglio: se volete un piatto ancora più gustoso potete aggiungere qualche cucchiaio di formaggio grattugiato oppure dei gamberoni cotti al vapore che si sposano bene sia col curry che con i cavolfiori!

Dony

Dony

Ciao, sono Donatella Tagliatti e vorrei trasmettervi la mia passione per una cucina creativa, veicolo di emozioni, tradizioni e benessere.

You may also like...

4 Responses

  1. veronica scrive:

    Buonissima!! :-)

  2. Antonio scrive:

    Si possono usare altri tipi di verdure oltre al cavolfiore? A me piacciono molto i porri.

    • Dony Dony scrive:

      Certamente! Se l’impasto risultasse troppo liquido ti consiglio di aggiungere pane grattugiato oppure pane raffermo bagnato con acqua o brodo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>